Skip links

Highlights 30th ECNP

HIGHLITHS 30th ECNP

La prevenzione delle ricadute nella Schizofrenia e’ la chiave per ottimizzare l’outcome.

La remissione e il buon funzionamento socio-lavorativo dipendono dall’interazione tra fattori strutturali (es. volume ippocampale alterato) e fattori che possiamo controllare quali l’intervento il piu’ possibile personalizzato e la compliance agli interventi farmacologici e non.
Si e’ discusso molto sull’associazione tra l’assenza di insight e le modificazioni strutturali cerebrali indagate attraverso RMN o PET; l’assenza di insight non agevola l’outcome che noi vorremmo raggiungessero i nostri pazienti in termini di buon funzionamento socio-lavorativo e di conseguenza nell’autonomia attraverso un senso di se’ coerente. Purtroppo solo 80% dei pazienti risponde al trattamento farmacologico (remissione della sintomatologia negativa e positiva) e solo tra il 10 e 20% dei pazienti raggiungono la remissione in termini di outcome.

La remissione e’ altamente predittiva di un buon funzionamento a due anni, ma non e’ di per se’ sufficiente al raggiungimento in quanto alcuni fattori, quali la cognitivita’ e volumi di GM (gray matter) maggiori o il funzionamento pre-morboso, sono indipendenti dall’insorgenza della malattia, ma possono influire enormemente sull’outcome. I fattori modificabili con maggior peso sull’outcome sono una breve durata di malattia non trattata, aderenza ai trattamenti e il non utilizzo delle sostanze d’abuso. Gli interventi precoci con l’utilizzo di formulazioni long acting per il miglioramento della compliance, una buona rete assistenziale soprattutto per l’assistenza alla ricerca lavorativa, interventi di psicoeducazione e interventi di potenziamento cognitivo sono le migliori strategie per il raggiungimento di un buon outcome funzionale.

In uno studio di Asmal L and Emsley R, confrontando pazienti con primi episodi psicotici e controlli sani si evidenzia come un minor volume ippocampale e’ associato alla non remissione dopo sei mesi di trattamento: sembra anche che il volume ippocampale possa modificarsi minimamente in positivo durante un trattamento con antipsicotici atipici.

La prevenzione delle ricadute e’ la chiave per la prevenzione delle ricadute, (Robin Emsley, Stellenbosch University, Cape Town, South Africa) essendo un punto critico per l’evoluzione dei pazienti trattamento-resistenti. Per ottimizzare l’outcome e’ importante focalizzarsi sulla fase attiva di malattia, piu’ che sulla conseguente fase cronica, durante la quale la sintomatologia si e’ stabilizzata e si e’ raggiunto un plateu di funzionamento. E’ proprio quando la malattia e’ piu’ aggressiva che dobbiamo concentrare i trattamenti piu’ efficaci. Il professor Emsley e il professor Khan si sono chiesti piu’ che quando considerare l’utilizzo di una formulazione long acting, quando non dovremmo considerarla: nel senso che dovrebbe essere una prima scelta rispetto alla formulazione orale da subito, senza attendere le ricadute date dalla scarsa compliance.

La remissione della malattia e’ un concetto che implica oltre alla scomparsa della sintomatologia positiva e negativa, un’appartenenza a una rete sociale e un avere un coerente senso di se’. Professor Emsley ha presentato i dati circa il link tra assenza di insight e anomalie strutturali e funzionali cerebrali. Nei primi episodi psicotici uno scarso insight e’ predittivo di una riduzione dello spessore della corteccia frontale e di un’associazione di disconnettivita’ in alcuni tratti di sostanza bianca.

Bibliografia utile:

1 Whitley R, Drake RE. Recovery: a dimensional approach. Psychiatr Serv. 2010 Dec;61(12):1248-50.
2 Windell D, Norman R, Malla AK. The personal meaning of recovery among individuals treated for a first episode of psychosis. Psychiatr Serv. 2012 Jun;63(6):548-53.
3 Cassidy CM, Norman R, Manchanda R, Schmitz N, Malla A. Testing definitions of symptom remission in first-episode psychosis for prediction of functional outcome at 2 years. Schizophr Bull. 2010 Sep;36(5):1001-8.
4 Jordan G, Lutgens D, Joober R, Lepage M, Iyer SN, Malla A. The relative contribution of cognition and symptomatic remission to functional outcome following treatment of a first episode of psychosis. J Clin Psychiatry. 2014 Jun;75(6):e566-72.
5 Alvarez-Jimenez M1, Priede A, Hetrick SE, Bendall S, Killackey E, Parker AG, McGorry PD, Gleeson JF. Risk factors for relapse following treatment for first episode psychosis: a systematic review and meta-analysis of longitudinal studies. Schizophr Res. 2012 Aug;139(1-3):116-28.
6 Emsley R, Chiliza B, Asmal L, Harvey BH. The nature of relapse in schizophrenia. BMC Psychiatry. 2013 Feb 8;13:50. doi: 10.1186/1471-244X-13-50.
7 Emsley R. On discontinuing treatment in schizophrenia: a clinical conundrum. NPJ Schizophr. 2017 Jan 12;3:4.
8 Asmal L, du Plessis S, Vink M, Fouche JP, Chiliza B, Emsley R. Insight and white matter fractional anisotropy in first-episode schizophrenia. Schizophr Res. 2017 May;183:88-94.
9 Leucht S, Cipriani A, Spineli L, Mavridis D, Orey D, Richter F, Samara M, Barbui C, Engel RR, Geddes JR, Kissling W, Stapf MP, Lässig B, Salanti G, Davis JM. Comparative efficacy and tolerability of 15 antipsychotic drugs in schizophrenia: a multiple-treatments meta-analysis. Lancet. 2013 Sep 14;382(9896):951-62.
10 Kishimoto T, Robenzadeh A, Leucht C, Leucht S, Watanabe K, Mimura M, Borenstein M, Kane JM, Correll CU. Long-acting injectable vs oral antipsychotics for relapse prevention in schizophrenia: a meta-analysis of randomized trials. Schizophr Bull. 2014 Jan;40(1):192-213.
11 Heres S, Lambert M, Vauth R. Treatment of early episode in patients with schizophrenia: the role of long acting antipsychotics. Eur Psychiatry. 2014 Nov;29 Suppl 2:1409-13.
12 Németh G, Laszlovszky I, Czobor P, Szalai E, Szatmári B, Harsányi J, Barabássy Á, Debelle M, Durgam S, Bitter I, Marder S, Fleischhacker WW. Cariprazine versus risperidone monotherapy for treatment of predominant negative symptoms in patients with schizophrenia: a randomised, double-blind, controlled trial. Lancet. 2017 Mar 18;389(10074):1103-1113.
13 Naber D, Hansen K, Forray C, Baker RA, Sapin C, Beillat M, Peters-Strickland T, Nylander AG, Hertel P, Andersen HS, Eramo A, Loze JY, Potkin SG. Qualify: a randomized head-to-head study of aripiprazole once-monthly and paliperidone palmitate in the treatment of schizophrenia. Schizophr Res. 2015 Oct;168(1-2):498-504.
14 Marder SR, Galderisi S. The current conceptualization of negative symptoms in schizophrenia. World Psychiatry. 2017 Feb;16(1):14-24.